info@fulltraction4x4.it

S.S. 106 Km 112,5  Roccella Ionica (RC)      Tel. 096485000  Fax 096485578  Cell 3473625442

                 STATUTO DEL CLUB                                  REGOLAMENTO USCITE

HOME

e-mail

CHI SIAMO

FOTO

VIDEO

Raduno del club

Iscizione al club

Assicurazioni

STATUTO

Regolamento

 

 

STATUTO

     Articolo 1

  Denominazione e sede

Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt. 36, 37, 38,  del Codice Civile e della legge 383/2000 - 289/2002, è costituita, con sede legale in Via S.S. 106 Km 112,5 Roccella Ionica (RC), un’Associazione sportiva a carattere sportivo dilettantistico, Associazione di promozione sociale, culturale  e di formazione extrascolastica senza fine di lucro, denominata “ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA & DI PROMOZIONE SOCIALE” (in sigla A.S.D. ;      A. P. S. ) : “FULLTRACTION4X4”                                

L’associazione è retta dal seguente statuto. 

     Articolo 2

  Finalità e strutture

1.       L’associazione e’ un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la cui attività, apolitica, è espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. Essa non ha alcun fine di lucro ed opera per fini sportivi, ricreativi culturali e sociali per l’esclusivo soddisfacimento di interessi collettivi e si ispira e conforma ai principi dell’associazionismo di promozione sociale di cui alla legge 383/2000. L’Associazione si obbliga a conformarsi alle regole e alle direttive del C.O.N.I. Costituiscono  quindi parte integrante del presente Statuto le norme degli statuti  e dei regolamenti delle Federazioni Sportive Nazionali e/o degli Enti di Promozione Sportiva e/o Sociale nonché delle Discipline associate a carattere Internazionale, Nazionale, Regionale Provinciale cui aderisca l’associazione e contenute nella sezione relativa all’organizzazione e alla gestione delle Associazioni affiliate. L’Associazione s’impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari  che gli organi competenti delle Federazioni Sportive Nazionali e/o degli Enti di Promozione Sportiva nonché delle Discipline Associate, delle Associazioni a carattere internazionale, nazionale o regionale cui la stessa aderisce dovessero adottare a suo carico in caso di irregolare funzionamento o di gravi irregolarità di gestione o di gravi infrazioni all’ordinamento sportivo. Può istituire sedi operative nei luoghi e nelle località ritenute più idonee allo svolgimento delle attività istituzionali.                                                                                                      

2.       Finalità principale dell’Associazione è la proposta costante dello sport, alle persone di ogni sesso, età, razza, nazionalità, appartenenza etnica o religiosa,

            in particolare L’associazione si propone:

a)       di promuovere e sviluppare attività sportive dilettantistiche, nelle discipline legate all’attività fuoristradistica, motociclistica e di valorizzare il motorismo storico delle auto-moto-veicoli e dei trattori d'epoca e relative attrezzature nel rispetto della natura e dell’ambiente, volta anche all’impiego del tempo libero;

b)      di organizzare manifestazioni sportive dilettantistiche culturali e sociali in via diretta o collaborare con altri soggetti per la loro realizzazione;

c)       di studiare, promuovere e sviluppare nuove metodologie per migliorare l’organizzazione e la pratica del fuoristrada, del motociclismo, del motorismo storico delle auto-moto-veicoli e dei trattori d'epoca e relative attrezzature

d)      di realizzare e/o gestire impianti, propri o di terzi, adibiti a campi prova, piste e strutture sportive di vario genere;

e)      lo studio di tutti i problemi delle categorie fuoristrada, motociclismo, motorismo storico delle auto-moto-veicoli e dei trattori d'epoca e relative attrezzature;

f)        indire corsi di avviamento al fuoristrada, corsi di formazione e di qualificazione per operatori del settore, per l’istruzione e la formazione all’uso dei veicoli fuoristrada, con particolare riguardo alle prescrizioni in tema di sicurezza sul lavoro previste dalle normative vigenti;

g)      l’incentivazione e la promozione del volontariato assistenziale e di Protezione civile;

h)      la promozione e lo scambio di rapporti con sodalizi di altri paesi;

i)         la promozione della ricerca e della conservazione di veicoli storici.

             L'associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dall'elettività e gratuità delle       cariche      associative e dalle prestazioni fornite dagli associati e dall'obbligatorietà del bilancio.

            Potrà altresì svolgere attività di tipo commerciale nel rispetto delle vigenti normative fiscali e amministrative.       Inoltre potrà reperire spazi ed impianti, anche tramite convenzioni con enti pubblici o privati, per lo svolgimento dell’attività istituzionale e intrattenere rapporti con istituti di Credito, anche su basi di passività.

     Articolo 3

  Patrimonio ed entrate dell’Associazione

1.       Il patrimonio dell’Associazione è costituito dalle quote di iscrizione e dai corrispettivi per i servizi istituzionali versati dai soci, da eventuali entrate di carattere commerciale, da eventuali contributi e liberalità di privati o enti pubblici e da eventuali beni, mobili e immobili, di proprietà dell’Associazione o a esso pervenuti a qualsiasi titolo.

2.       I versamenti al fondo di dotazione possono essere di qualsiasi entità, fatti salvi i versamenti minimi come sopra determinati per l’ammissione, e sono comunque a fondo perduto; i versamenti non sono quindi rivalutabili né ripetibili in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di scioglimento dell’Associazione, né in caso di morte, di estinzione, di recesso o di esclusione dell’Associazione, può pertanto farsi luogo alla richiesta di rimborso di quanto versato all’Associazione.

3.       Il versamento non crea altri diritti di partecipazione e, segnatamente, non crea quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare né per successione a titolo universale, né per atto tra vivi né a causa di morte.

Articolo 4

  Soci

                  1.       Possono essere soci dell’Associazione tutti coloro che ne condividono le finalità ed i principi ispiratori e ne accettano lo statuto.

2.       L’Adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e non può essere disposta per un periodo temporaneo fermo restando in ogni caso il diritto di recesso.

3.       Chi intende aderire all’Associazione deve rivolgere espressa domanda (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza) al Consiglio Direttivo recante la dichiarazione di condividere le finalità che l’Associazione si propone e l’impiego ad approvare e osservare lo Statuto e i Regolamenti.

4.       Il Consiglio Direttivo deve provvedere in ordine alle domande di ammissione alla prima riunione del consiglio direttivo. L’accettazione seguita dall’iscrizione al libro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale, acquisendo quindi la qualifica di “Socio”. Nel caso in cui la domanda venga respinta, l’interessato può presentare ricorso, sul quale si pronuncia in via definitiva l’assemblea alla prima convocazione.

5.       I soci hanno diritto di frequentare i locali dell’Associazione e di partecipare a tutte le manifestazioni indette dall’Associazione stessa. I soci, con la domanda di iscrizione eleggono domicilio per i rapporti sociali presso la sede dell’Associazione.

6.       I soci, sono tenuti al pagamento della tessera sociale, all’osservanza dello Statuto, dei regolamenti interni e delle deliberazioni prese dagli organi sociali.

7.       I soci sono espulsi o radiati quando non ottemperino alle disposizioni del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali; quando si rendono morosi nel pagamento della tessera e delle quote sociali senza giustificato motivo; quando, in qualunque modo, arrechino danni morali o materiali all’Associazione. Le espulsioni e le radiazioni saranno decise dal Consiglio Direttivo a maggioranza assoluta dei suoi membri. I soci radiati per  morosità potranno dietro domanda essere riammessi pagando una nuova quota di iscrizione.

      Articolo 5

  Organi dell’Associazione

1.       Sono Organi dell’Associazione:

·          L’Assemblea dei soci

·          Il Presidente

·          Il Consiglio Direttivo

Articolo 6

Assemblea

1.       L’Assemblea è composta da tutti i soci all’Associazione ed è l’organo sovrano dell’Assemblea stessa.

2.       Potranno prendere parte alle Assemblee ordinarie e straordinarie dell’Associazione i soli Soci in regola con il versamento della quota annuale. Avranno diritto di voto solo i soci maggiorenni (18 anni).

3.       L’Assemblea si riunisce almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio consuntivo (entro il 30 aprile), essa inoltre:

a.       Provvede alla nomina del Consiglio Direttivo;

b.       Delinea gli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione;

c.       Delibera sulle modifiche al presente Statuto;

d.       Approva i Regolamenti che disciplinano lo svolgimento dell’Attività dell’Associazione;

e.       Delibera lo scioglimento e la liquidazione dell’Associazione e la devoluzione del suo patrimonio.

4.       L’Assemblea è convocata dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno oppure ne sia fatta richiesta da almeno un terzo dei soci o da almeno metà dei Consiglieri.

5.       Le Assemblee dei soci possono essere ordinarie e straordinarie, le Assemblee sono convocate con avviso affisso all’interno dei locali dell’Associazione con almeno 10 giorni di preavviso e con e.mail inviata ai soci che comunicheranno il proprio indirizzo di posta elettronica.

6.       L’Assemblea è validamente costituita ed è atta a deliberare qualora in prima convocazione siano presenti almeno la metà dei suoi membri.

7.       In seconda convocazione l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei presenti. L’adunanza di seconda convocazione deve svolgersi decorsa almeno un’ora dalla prima convocazione.

8.       Ogni socio all’Associazione ha diritto ad un voto, esercitatile anche mediante delega. La delega può essere conferita solamente ad altro aderente all’Associazione che non sia Amministratore dell’Associazione . Ciascun delegato non può farsi portatore di più di 2 (due) deleghe.

9.       Le deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; Non è ammesso il voto per corrispondenza.

10.    Per l’approvazione dei Regolamenti, le modifiche statutarie e la distribuzione degli avanzi di gestione, riserve o fondi, occorre il voto favorevole della maggioranza dei voti attribuiti, tanto in prima che in seconda convocazione. Per le deliberazioni di scioglimento dell’Assemblea e di devoluzione del suo patrimonio, occorre il voto favorevole dei due terzi dei voti attribuiti, tanto in prima che in seconda convocazione.

11.    L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o, in caso di sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente, da un altro membro del Consiglio Direttivo oppure da qualsiasi altro Aderente all’Associazione.

      Articolo 7

  Il Consiglio  Direttivo

1.       L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da 5 (cinque) soci compresi il Presidente e il Vice Presidente.

2.       Il Consiglio Direttivo elegge al proprio interno il Presidente ed il Vice Presidente.

3.       I  Consiglieri devono essere soci all’Associazione, durano in carica per 4 (quattro) anni e sono rieleggibili.

4.       Qualora per qualsiasi motivo venga meno la maggioranza dei consiglieri, l’intero Consiglio Direttivo si intende decaduto e occorre far luogo alla sua rielezione.

5.       In caso di cessazione per qualsiasi motivo di un membro del Consiglio Direttivo, il Consiglio stesso fa luogo alla sua cooptazione . Il consigliere cooptato dura in carica fino alla prossima Assemblea, al cui ordine del giorno deve essere posto l’argomento della sostituzione del consigliere cessato; chi venga eletto in luogo di consigliere cessato dura in carica per lo stesso periodo residuo durante il quale sarebbe rimasto in carica il consigliere cessato. Se per qualsiasi motivo viene meno la maggioranza dei consiglieri, l’intero Consiglio Direttivo si intende decaduto e occorre far luogo alla sua integrale rielezione.

6.       Dalla nomina a Consigliere non consegue alcun compenso, salvo il rimborso delle spese documentate sostenute per ragioni dell’ufficio ricoperto.

7.       Al Consiglio  Direttivo sono attribuite le seguenti funzioni:

a.       La gestione dell’Associazione in ogni suo aspetto secondo gli indirizzi delineati dall’Assemblea e, in particolare, il compimento di atti di amministrazione ordinaria e straordinaria in relazione agli indirizzi ricevuti;

b.       La nomina del segretario, da scegliersi tra i consiglieri eletti;

c.       L’ammissione all’Associazione di nuovi aderenti,

d.       La predisposizione annuale del bilancio preventivo e del rendiconto consuntivo;

e.       Favorire la partecipazione dei soci alle attività dell’Associazione;

f.        Stabilisce la quota di versamento da effettuare all’atto di adesione all’Associazione da parte di chi intende associarsi.

8.       Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno, oppure ne sia fatta richiesta da almeno metà consiglieri. Il Consiglio Direttivo è comunque validamente costituito ed è atto a deliberare, convocazione, qualora siano presenti tutti i membri del Consiglio.

9.       Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente o, in caso di suo impedimento, dal Vice Presidente; in mancanza, su designazione dei presenti, da un altro membro del Consiglio Direttivo.

10.   Il Consiglio Direttivo è validamente costituito qualora siano presenti almeno la metà dei suoi membri.

11.   Le deliberazioni del Consiglio Direttivo sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità di voti prevale il voto di chi presiede la riunione.

12.   Per le deliberazioni di straordinaria amministrazione occorre il voto favorevole della maggioranza dei consiglieri in carica.

 

     Articolo 8

  Il Presidente

1.       Al Presidente dell’Associazione  spetta la rappresentanza dell’Associazione stessa di fronte ai terzi e anche in giudizio. Su deliberazione del Consiglio Direttivo;

2.       Al Presidente dell’Associazione compete, sulla base delle direttive emanate dall’Assemblea e dal Consiglio Direttivo, al quale comunque il Presidente riferisce circa l’attività compiuta, l’ordinaria amministrazione dell’Associazione; in casi eccezionali di necessità e urgenza il Presidente può anche compiere atti di straordinaria amministrazione, ma in tal caso deve contestualmente convocare il Consiglio Direttivo per la ratifica del suo operato.

3.       Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea ed il Consiglio Direttivo. Il Presidente cura la predisposizione del bilancio preventivo e del bilancio consuntivo da sottoporre per l’approvazione, al Consiglio Direttivo e poi all’Assemblea , corredandoli di idonee relazioni.

 

 

     Articolo 9

  Il Vice Presidente

Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione ogni qualvolta questi sia impedito all’esercizio delle proprie funzioni. Il solo intervento del Vice Presidente costituisce per i terzi prova dell’impedimento del Presidente.

 

     Articolo 10

  Il Segretario del Consiglio Direttivo

1.       Il Segretario dura in carica finchè vige il Consiglio che lo ha nominato. Il Segretario da esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, ed attende alla corrispondenza.

 

     Articolo 11

Tutte le cariche di cui agli articoli 7, 8, 9 e 10 del presente Statuto, sono ricoperte a titolo gratuito.

E’ fatto divieto per gli Amministratori di ricoprire cariche sociali in altre Società e Associazioni Sportive nell’ambito della medesima disciplina.

 

     Articolo 12

  Sezioni

L'Associazione potrà costituire delle sezioni nei luoghi che riterrà più opportuni al fine di meglio raggiungere gli scopi sociali. 

 

     Articolo 13

  Libri dell’Associazione

1.       Oltre alla tenuta dei libri prescritti dalla legge, l’Associazione tiene i libri verbali delle adunanze e delle deliberazioni dell’Assemblea, del Consiglio Direttivo, nonché il Libro dei soci dell’Associazione.

2.       I libri dell’Associazione sono visibili a chiunque ne faccia motivata istanza; le copie richieste sono fatte dall’Associazione a spese del richiedente.

 

     Articolo 14

  Il bilancio consuntivo e preventivo

1.       Gli esercizi dell’Associazione chiudono il 31 dicembre di ogni anno . Per ogni esercizio è predisposto un bilancio preventivo e un bilancio consuntivo.

2.       Entro il 30 marzo di ciascun anno il Consiglio Direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio consuntivo dell’esercizio precedente da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.

3.       Entro il 30 ottobre di ciascun anno il Consiglio Direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio preventivo del successivo esercizio da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.

4.       I Bilanci debbono restare depositati presso la sede dell’Associazione nei quindici giorni che precedono l’assemblea convocata per la loro approvazione, a disposizione di tutti coloro che abbiano motivato interesse alla loro lettura, la richiesta di copie è soddisfatta dall’Associazione a spese del richiedente.

 

     Articolo 15

  Avanzi di gestione

1.       All’Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione stessa, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre Organizzazioni non lucrative di utilità sociale che per legge, statuto o regolamento facciano parte della medesima e unitaria struttura .

2.       L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse  direttamente connesse .

 

     Articolo 16

  Scioglimento e Devoluzione

1.       In caso di suo scioglimento, per qualunque causa, il patrimonio residuo dopo la liquidazione dovrà essere devoluto, secondo la delibera dell’Assemblea che decide lo scioglimento, ad altra ’Associazione con finalità analoga o aventi fini di pubblica utilità.

2.       La decisione di scioglimento dell’Associazione deve essere presa dalla maggioranza di almeno 2/3 dei soci.

 

     Articolo 17

  Legge applicabile

1.       Per disciplinare ciò che non sia previsto nel presente Statuto, si deve far riferimento alle nome in materia di Enti contenute nel libro I del Codice Civile e, in subordine, alle norme contenute nel libro V del Codice Civile.

2.       Il presente Statuto sostituisce o annulla ogni altro precedente Statuto dell’Associazione nonché ogni altra forma regolamentare della Associazione in contrasto con esso.